mem
deco
HOME INFO LINKS
   
|SpecchioCielo|
|Fiabe|
Intro
Orientarsi
Le Orse
celesti
Un Dio
Orso
La coppa
del Graal
Perseo, il figlio
della pioggia d'oro

Una storia scritta in cielo:
 le costellazioni di Andromeda, Cefeo, Cassio
pea e
PERSEO, IL FIGLIO DELLA PIOGGIA D'ORO

Acrisio, nonno di Perseo e re di Argo, temeva per le sorti del proprio regno perché, avendo avuto dalla moglie Aganippe una sola figlia femmina, Danae, in assenza di eredi maschi non sapeva a chi avrebbe trasmesso il titolo di sovrano. Spinto dal desiderio di conoscere il destino della sua città, chiese all'oracolo come avrebbe potuto avere figli. Il dio gli rispose che sua figlia Danae avrebbe avuto un figlio che lo avrebbe ucciso. Preso dal più grande sconforto e anche dal terrore, rinchiuse la figlia in una torre ben fortificata, con porte di bronzo guardate da cani ferocissimi.

Egli pensò che in questo modo non avrebbe avuto più nulla da temere, ma si sbagliava; il suo destino era già stato stabilito dagli dèi. Infatti, nonostante queste precauzioni, Danae concepì un figlio. Si racconta che il seduttore fu lo stesso Zeus, il quale, trasformato in pioggia d'oro, penetrò attraverso una fessura del tetto e ottenne l'amore della ragazza.

Il pensiero riflesso è morto e dà la morte. La mente, se non è governata dal PENSIERO COSCIENTE, dalla PRESENZA MENTALE, pietrifica! Il pensiero riflesso annienta la forza vitale che potenzialmente possediamo, se ne nutre, riducendoci a statue senza vita.
Analizziamo la parola: PENSIERO RIFLESSO. Cosa vogliamo essere: un centro vitale che emana luce o un oggetto che la riceve? Un sole o un satellite? Lasciare che una certa entità che chiamiamo mente proietti su di noi le sue sozzure, i suoi pregiudizi disordinati, la sua pochezza confusa equivale alla morte; questa è vera morte, non quella fisica. Perché Medusa non pietrifichi il suo essere, Perseo usa uno specchio: omeopaticamente (l’omeopatia cura il simile con il simile) fa ‘riflettere’ il pensiero riflesso, non lo assorbe, non lo fa riflettere su di sé ma sullo specchio che la sua GUIDA INTERIORE, Athena nel racconto, gli ha fornito. Prende le distanze dalla routine di pensieri inutili, li osserva, non ci si identifica come di solito avviene. Accendendo la luce della CONSAPEVOLEZZA taglia di netto la testa, cioè l’origine dei mali di cui soffriamo. Non è la nostra testa che produce questo stato ipnotico in cui crediamo di essere un qualcuno sfortunato, destinato a soffrire…è la testa di Medusa! E va prima guardata con distanza, senza identificarci poi, una volta capito il male che ci procura, fare la scelta decisa di ROMPERE L’INVOLUCRO INGANNEVOLE e lasciar libero il vero dono che la vita ci riserba: tolta la testa piena di serpenti (i pensieri che ci recano tanto dolore) esce Pegaso da quel collo mutilato. Il CAVALLO ALATO era lì, nascosto, andava liberato. E’ lui il PENSIERO VIVENTE, è lui la possibilità immensa per cui potremmo dire alle montagne di spostarsi, credendo davvero a chi ci ha promesso che niente ci sarà impossibile e che avremmo fatto cose anche più grandi di Lui.

1.1 1.2 1.3 1.4 1.5 1.6 1.7 1.8 1.9 1.10 1.11 1.12 1.13 1.14 1.15 1.16 1.17 1.18 1.19 1.20 1.21 1.22 1.23 1.1 1.24 1.25 1.26 1.27 1.29 1.30 1.31 1.32 1.1 1.2 1.4 1.5